Attualità|25 novembre 2011 18:23

Giornata Malattia di Parkinson

Domani, 26 novembre, è la III Giornata nazionale della malattia di Parkinson con lo slogan “La malattia di Parkinson non deve cambiare l’armonia della tua vita: affrontala subito!”. E’ prevista l’apertura straordinaria di molte strutture sanitarie lungo tutta la penisola.

Promossa da Limpe (la Lega Italiana per la lotta contro la Malattia di Parkinson, le Sindromi Extrapiramidali e le Demenze) che da oltre 35 anni è un punto di riferimento per lo studio della malattia di Parkinson, e da Dismov-Sin (Associazione Italiana Disordini del Movimento e Malattia di Parkinson) la giornata ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della diagnosi precoce, informare i cittadini sui progressi della ricerca e sulla migliore qualità di vita dei pazienti che la medicina è riuscita ad ottenere.

Ogni anno in Italia la malattia colpisce circa seimila persone e in un caso su quattro comincia a colpire prima dei 50 anni; nel 10% dei casi i sintomi compaiono prima dei 40 anni. In Italia sono tra 150 e 200 mila i soggetti affetti da Parkinson e altri 50.000 i pazienti col parkinsonismo, insieme di sintomi simili al morbo di Parkinson ma diversi da questo per cause, esordio e decorso.

La Malattia di Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale, caratterizzata da una progressiva scomparsa delle cellule nervose, in particolare delle cellule che producono il neurotrasmettitore dopamina. La dopamina oltre che la funzione motoria, tra cui il tono muscolare e la motilità del capo, degli arti e del tronco, controlla anche alcune funzioni non-motorie quali l’umore, il sonno e la memoria. Quando i livelli di dopamina diminuiscono eccessivamente, i messaggi tra le cellule nervose si interrompono, dando inizio a problemi di controllo del movimento – come rigidità, tremore, lentezza dei movimenti – che rappresentano i principali sintomi motori; questi si manifestano contemporaneamente o isolatamente e possono peggiorare con il passare del tempo.

Nella maggior parte dei casi il morbo esordisce in maniera insidiosa e progressiva, con una riduzione della forza muscolare e con tremore anche a riposo. Le cause della malattia sono ancora poco chiare. Riconoscere i sintomi è molto difficile soprattutto nella fase iniziale, per questo è importante rivolgersi al medico per saperne di più e accedere alla cura migliore.

In occasione della giornata nazionale molte strutture sanitarie lungo tutto lo stivale offriranno informazioni sulla malattia, medici specialisti potranno rispondere alle domande e fornire materiale informativo. Previsti anche vari eventi organizzati nelle singole strutture regionali. E’ possibile trovare la struttura più vicina consultando il sito www.giornataparkinson.it o chiamando il numero verde 800.149.626.

Tag:
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

Commenti

Registrati / Collegati

I commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati verificati.