Salute|19 gennaio 2012 13:02

I gruppi sanguigni, quali sono e le compatibilità

Ad ogni essere umano appartiene un preciso gruppo sanguigno, ereditato alla nascita da uno dei genitori. I gruppi sanguigni sono sistemi di differenti antigeni, presenti sulla superficie esterna dei globuli rossi. Sono identificati grazie a reazioni di agglutinazione con antisieri specifici o lecitine vegetali. Questi antigeni possono essere proteine, carboidrati, glicoproteine o glicolipidi e sono presenti anche sulla superficie di altri tipi di cellule di vari tessuti.

Sulla membrana dei globuli rossi sono presenti due sostanze, i glicolipidi, denominate A e B. La presenza di sostanza A sui globuli rossi definisce i soggetti di gruppo A, la sostanza B quelli di gruppo B, la presenza contemporanea di entrambe, il gruppo AB e l’assenza di entrambe il gruppo 0 (gruppo zero).

Altra caratteristica importante è che nel plasma di ogni individuo sono presenti degli anticorpi che sono probabilmente indotti in risposta ad antigeni batterici comuni.
I soggetti del gruppo A presentano l’antigene A sulla membrana degli eritrociti (globuli rossi) e sviluppano nel plasma anticorpi contro l’antigene B.
Nei soggetti del gruppo B si verifica il caso contrario: presentano l’antigene B sulla membrana degli eritrociti (globuli rossi) e sviluppano nel plasma anticorpi contro l’antigene A.
Quelli del gruppo AB presentano contemporaneamente sia l’antigene A che quello B. Tali soggetti non sviluppano anticorpi nel plasma.
I soggetti col gruppo 0 non presentano antigeni né di tipo A né di tipo B e sviluppano nel plasma anticorpi contro gli antigeni sia A che B. Sono definiti donatori universali.

In sintesi:

  • il gruppo A contiene antigeni A e anticorpi anti-B;
  • il gruppo B contiene antigeni B e anticorpi anti-A;
  • il gruppo AB contiene antigeni A, antigeni B e nessuno degli anticorpi plasmatici corrispondenti;
  • il gruppo 0 è privo di antigeni ma contiene entrambi gli anticorpi anti-A e anti-B.

Analizzando quanto specificato si evince che il soggetto portatore del gruppo sanguigno AB, essendo privo di anticorpi specifici, può ricevere sangue sia da donatori di tipo A, B, AB e 0 e sono perciò definiti ricevitori universali. Chi ha sangue di tipo 0, invece, può donarlo a tutti tanto da essere definito donatore universale. L’individuo di gruppo A può invece ricevere sangue dai gruppi A e 0; mentre il sangue di tipo B è compatibile soltanto con gruppi B e gruppi 0.

Ognuno di questi gruppi sanguigni viene suddiviso ulteriormente in due categorie dal fattore Rhesus, che indica la presenza o l’assenza di un particolare antigene Rh sulla membrana dei globuli rossi nel sangue. Il fattore Rhesus può essere positivo (Rh+) cioè presente nel sangue oppure negativo (Rh-) cioè assente nel sangue.

Conoscere il gruppo sanguigno è indispensabile per poter effettuare una trasfusione di sangue, per il riconoscimento della paternità e nelle indagini genetiche, ma anche per poterlo donare. Nel caso non si rispettino tali combinazioni gli anticorpi presenti nel plasma aggrediscono i globuli rossi del sangue trasfuso, neutralizzandoli e formando piccoli grumi che occludono i vasi sanguigni causando danni molto seri all’organismo.

 

Tag:,
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

3 Commenti

Commenti

Registrati / Collegati

I commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati verificati.