Sistema Sanitario|26 gennaio 2012 18:48

I compiti della Guardia Medica

La Guardia Medica o meglio il Servizio di Continuità Assistenziale notturna e festiva garantisce, in situazioni urgenti, l’assistenza medica di base a domicilio gratuita a tutte le persone, anche in età pediatrica, residenti nella regione a cui fa riferimento il servizio o ai domiciliati sanitari. I cittadini di altre regioni devono, invece, pagare la tariffa prevista per le visite occasionali, come vedremo in seguito.

Il servizio di continuità assistenziale è attivo dalle ore 20.00 alle ore 8.00 di tutti i giorni feriali e dalle ore 10.00 del sabato o di ogni altro giorni prefestivo alle ore 8.00 del lunedì o del giorno successivo al festivo. Negli orari, cioè, nei quali il medico di medicina generale o il pediatra non sono obbligati a fornire assistenza ai propri assistiti.

Si utilizza questo servizio, infatti, solo nel caso in cui il bisogno non  sia differibile, cioè per le situazioni di malattia che non possono essere rinviate al giorno successivo. In caso di ricorso non appropriato potrebbero verificarsi disservizi nei confronti di chi avesse effettiva necessità dell’intervento urgente.
Al termine della visita, il medico rilascia all’utente il modulario informativo compilato in duplice copia di cui una  è destinata al medico curante  o alla struttura sanitaria in caso di ricovero e l’altra viene tenuta dal medico di continuità assistenziale.

I medici di Guardia Medica possono:

  • Prescrivere solo farmaci di prima necessità ed esclusivamente per le persone per le quali è stata richiesta la visita domiciliare urgente;
  • Richiedere esami e visite specialistiche urgenti;
  • Proporre il ricovero in ospedale;
  • Rilasciare certificati di malattia, se veramente necessario, per un periodo massimo di tre giorni.

Essi, al contrario, NON possono:

  • Erogare prestazioni infermieristiche non correlate alla visita medica;
  • Ripetere ricette in terapie croniche;
  • Fare trascrizioni non differibili su ricettario S.S.N. di prescrizione di altri medici;
  • Rilasciare certificati per attività sportiva, certificati per rientro scolastico, certificati di malattia a lavoratori non turnisti;
  • Eseguire punti di sutura;
  • Prescrivere esami diagnostico-strumentali o visite specialistiche;
  • Prescrivere i ricoveri programmati che rimangono di esclusiva pertinenza del Medico di Famiglia;
  • Sostituire il proprio medico di famiglia quando questi è assente per motivi personali. In tale situazione il medico di famiglia deve nominare un sostituto che assolve le funzioni in sua assenza;
  • Effettuare prestazioni infermieristiche: il medico di continuità assistenziale non effettua iniezioni, intramuscolo o endovena, prescritte da altri medici né effettua sostituzioni di catetere vescicale.

L’attività di guardia medica è organizzata nell’ambito della programmazione regionale, per rispondere alle diverse esigenze legate alle caratteristiche geomorfologiche e demografiche. La diversa distribuzione territoriale è da ricondurre a diversi fattori come, ad esempio, la differente ripartizione sul territorio stesso delle strutture ospedaliere, oppure l’incidenza dei flussi turistici che interessano l’intero paese.

Per garantire un’assistenza sanitaria di base alle persone non residenti, molto spesso le regioni individuano località turistiche molto frequentate e qui vi predispongono un servizio stagionale di Guardia Medica Turistica. Le prestazioni erogate però, in questo caso, richiedono un concorso alle spese da parte dell’assistito. Solitamente è applicato un ticket differenziato a seconda che si tratti di visite ambulatoriali (15/20 euro), visite domiciliari (25 /30 euro) o prescrizioni di ricette (7,75 /10 euro).

 

Tag:
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

101 Commenti

  • i medici della guardia medica effettuano anche le visite fiscali inps?

    • sabato 13 in guardia medica ho chiesto un certificato medico per il lavoro per sabato e domenica mi hanno fatto solo quello per domenica perche sono andata al cambio turno e dentro la stanza c’erano tutte e due le dottoresse!!! io ho perso un giorno di lavoro e cosi la legge?

    • no

    • si, ma non nel territorio che effettuano le visite fiscali

    • si, ma non nel territorio che esercita la guardia medica (INCOMPATIBILE) non può rilasciare certificazione malattia e visitare come medico fiscale

  • I medici di guardia medica non svolgono attività di medicina di controllo. Dr. Giorgio Bucci

    • Ma e’ evidente,vi e ‘ una specifica incompatibilita’…
      UN MEDICO NON PUO’ ESSO STESSO ESSERE CONTROLLATO E CONTROLLORE!!!!

    • MA CHI L’HA DETTO? I mEDICI DI c.a. POSSONO AVERE ANCHE INCARICHI DI MEDICINA FISCALE!

      • si, ma l’attività deve essere svolta fuori dal territorio in cui esercita l’attività di guardia medica

    • mi scusi dottore ma la guardia medica e’ oblicata a venire a casa? grazia

      • se il paziente non deambula e ha una malattia che pregiudica lo stato di salute, si deve venire a domicilio

  • La guardia medica ha l’obbligo di prescrivere farmaci ritenuti salva vita?(esempio ursobil. )

  • ho portato la mia piccola di 5 anni dalla guardia medica in un comune della provincia di agrigento dove mi trovavo in vacanza da mia sorella , mi e’stato chiesto un tichet di 15.00€ e 7.50 per ogni ricetta …. ma i bambini nn dovrebbero pagare ?? dopo 5 giorni di febbre… poi sono stata al ps e mi è stato risposto che dovevo cmq passare dalla guardia medica .vergogna io vivo in lombardia e pago le tasse ed avrei tt i diritti VERGOGNA…

    • Secondo la normativa nazionale La Guardia Medica o meglio il Servizio di Continuità Assistenziale notturna e festiva garantisce, in situazioni urgenti, l’assistenza medica di base a domicilio gratuita a tutte le persone, anche in età pediatrica, residenti nella regione a cui fa riferimento il servizio o ai domiciliati sanitari. Per i non residenti in quella provincia Le prestazioni erogate però, in questo caso, richiedono un concorso alle spese da parte dell’assistito. Solitamente è applicato un ticket differenziato a seconda che si tratti di visite ambulatoriali (15/20 euro), visite domiciliari (25 /30 euro) o prescrizioni di ricette (7,75 /10 euro). Per cui è giusto che abbia pagato il ticket per la prestazione sanitaria, ma non è corretto che il PS l’abbia nuovamente inviata dal Servizio di continuità assistenziale anche perchè i medici di Continuità assistenziale non sono “trascrittori” di ricette altrui. In ogni caso con la ricevuta rilasciata dal Medico che ha effettuato la prestazione è possibile richiedere presso l’ASL di appartenenza il rimborso di quanto pagato per i bambini al di sotto di 12 anni e cittadini di età superiore ai 60 anni, lavoratori e studenti dimoranti per ragioni connesse all’attività di studio al di fuori del proprio domicilio, cittadini portatori di handicaps il cui grado di menomazione è superiore all’80% ai fini dell’attività lavorativa ( legge 25 marzo 1982 n. 98).

      • più precisamente l’assistenza gratuita è garantita (per la prestazioni non differibili) ai “cittadini residenti nell’ambito territoriale afferente alla sede di Guardia Medica”. Si evince che tutti gli altri sarebbero tenuti al pagamento dei ticket (mi sembra evidente che nemmeno ai Medici si possa pretendere di andare a lavorare gratis) i ticket sono : atto medico: 7,75, visita ambulatoriale 15,49, visita domiciliare 25,82 euro. probabilmente anche un semplice idraulico inorridirebbe di fronte a queste cifre!

        • i soldi del ticket vanno al medico o alla asl?

        • ECCO..DIREI CHE IN BASEV ALLE CRITICHE DELLA SIGNORA COL FIGLIO FEBBRICITANTE E ALLE VARIE E FANTASIOSE RISPOSTE O RIVENDICAZIONI TRAVESTITE DA INGENUE DOMANDE, ISTITUIREI SUBITO UN BEL TICKET SUPERIORE A 25 EURO ANCHE SOLO PER DISSUADERE PERDITEMPO E R.C. E DAR VALORE AD UN LAVORO CHE VIENE COSI’ INGIUSTAMENTE BISTRATTATO, MA A CUI NON SI CAPISCE BENE PERCHE’ L’UTENZA FA RIFERIMENTO. SI PAGA TUTTO OGGIGIORNO NON VEDO PERCHE’ GLI UTENTI NON DEBBANO RISARCIRE ALMENO IL COSTO DEL CARBURANTE, L’USURA MACCHINA, I FARMACI ADOPERATI ALL’OCCORRENZA, COSI’ COME SENZA FIATARE FANNO IN UN QUALSIASI AMBULATORIO SPECIALISTIVCO PRIVATO E NON.

          • Una volta il dottore si faceva per amore oggi si fa solo per i soldi.

          • Perche’ la nostra costituzione garantisce il diritto alla salute.Inoltre questo diritto viene remunerato tramite le nostre tasse.

    • i bimbi pagano a meno che i genitori abbiano un basso reddito (vedi legislazione)

    • Dovrebbero istituire un ticket anche in Lombardia dai 0 anni in su così la smettereste una buona volta di sfruttare il PS pediatrico come fosse un ambulatorio, intasandolo di prestazioni assolutamente non da Pronto Soccorso.

  • La guardia medica è tenuta a fare il certificato di malattia anche per giorni feriali se il paziente non ha la residenza presso la città in cui si trova e quindi non ha il medico didi famiglia?
    in caso contrario qual è la legge che disciplina tale materia?grazie

  • Chi mi spiega perché sono due volte questa sera che chiamo giardia medica per mia madre che ha un forte mail di testa a c ho rilevato pressione alta persistente e mi rispondono di aspetta re domani medico curante o rivolgersi a pronto soccorso

  • Nel testo qui sopra ci sono delle contraddizioni che vorrei qualcuno chiarisse.

    I medici di Guardia Medica possono: Richiedere esami e visite specialistiche urgenti;

    Essi, al contrario, NON possono:Prescrivere esami diagnostico-strumentali o visite specialistiche.

    Qual’è la differenza se c’é ? Grazie!

    • i Medici di GM possono inviare al PS per accertamenti urgenti . Non possono rilasciare impegnative per visite programmate (anche se ritenute urgenti dal paziente). Per tali prestazioni ci si deve rivolgere al proprio Medico di famiglia (o Medico di Assistenza Primaria). Chiaro?

  • è un giorno festivo e sono bloccata con la schiena, faccio una lavoro da turnista e necessito del certificato di malattia. chiamado la guardia medica mi viene risposto che il certificato devo andarlo a ritirare personalmente. ma se non riesco neanche ad alzarmi dal divano il medico non è comunque tenuto a venirmi a visitare al domicilio e rilasciarmi il certificato???? mi sembra assurda la risposta che mi è stata data!!!!

    • Il Medico può visitarla e trattarla al domicilio ma per il rilascio del certificato è necessario che il paziente o un familiare lo vada a ritirare in ambulatorio. Ricordiamo che per frenare il rilascio di certificati “facili” di malattia è stata fatta una legge che impone la certificazione telematica (che presuppone l’utilizzo di computer e connessione internet).

    • Cara Signora,
      tengo a sottolineare che in nessuna parte del del mondo il medico va a casa per problemi come la lombalgia o la semplice febbre (se non a tariffe molto alte) e non credo che in paesi come la Svezia o la Germania il sistema sanitario sia inferiore al nostro. purtroppo per risolvere il problema ci vorrebbe una legge in grado di garantire l’autocertificazione da parte dei pazienti per i primi 2-3 giorni di malattia in casi banali come lombalgia o influenza che nella maggior parte dei casi non necessitano dell’intervento medico.

  • Posso farmi prescrivere un farmaco (antibiotico, fluconazolo) dalla guardia medica? senza che a casa mia si sappia. Sono maggiorenne ed è la II volta che mi reco alla guardia medica x qst farmaco

    • Non solo puoi,anzi devi.

    • E assurdo ho mio figlio con 39 difebbre ha casa e la guardia medica mi dice che non puo venire perche non e considerata una urgenza che schifo. in norvegua c’e’ assistenza 24 ore su 24 compreso i festivi.qualcuno mi risponda grazie.

      • La febbre a 39 non rappresenta assolutamente un’urgenza a meno che non vi siamo comorbilitá di una certa rilevanza.

      • La febbre a 39 non è assolutamente una urgenza da Pronto Soccorso!!! Un bambino che non respira, che ha una crisi convulsiva, che diventa iporeattivo in corso di febbre, è un urgenza di PS. Per tutto il resto c’è il pediatra di famiglia, PAGATO per visitare i vostri figli.

  • Mi chiedevo se la Guardia Medica può prescrivere “Insulina”.
    Faccio questa domanda perchè è stata rifiutata tale prescrizione a mio padre di anni 82, attualmente in ferie a casa mia, in quanto ha dimenticato l’insulina a casa sua e, aveva urgente bisogno di somministrarsela per la sera.
    Dato che questo è un farmaco di prima necessità, perchè questo rifiuto?

    • in teoria la GM potrebbe prescrivere solo farmaci urgenti su propria iniziativa mentre le prescrizioni di farmaci cronici (come appunto l’insulina) è pertinenza del Medico di base che oltretutto è tenuto a monitorarne il consumo (avendo la possibilità di valutare attraverso i programmi informatici le precedenti prescrizioni) ai fini del controllo della spesa farmaceutica

  • ho richiesto una visita domiciliare alla guardia medica per mia figlia di 6 anni con febbre alta e forte mal d’orecchio con secrezioni e il medico ha rifiutato di assisterla con la seguente frase “io non ho l’affare per guardare nelle orecchie”.
    ho dovuto spendere 90 euro per una visita domiciliare dell’otorino che le ha prescritto l’antibiotico. vi chiedo : il medico della guardia medica ha la competenza per riconoscere un’otite purulenta? deve avere nel suo studio “l’affare per guardare nelle orecchie”? avrebbe dovuto prestare assistenza a mia figlia? erano le 6:45 del mattino e il pediatra non sarebbe stato reperibile fino alle 17:00. grazie e saluti!

    • per una simile sintomatologia è inpensabile che un servizio come la GM possa assicurare una visita domiciliare. in primo luogo la sintomatologia riferita poteva essere risolta con un ‘indicazione terapeutica telefonica(antinfiammatorio ) rimandando l’eventuale inizio della t. antibiotica alla valutazione del Pediatra e casomai con una visita ambulatoriale. e poi non esiste , semmmai, che”il pediatra non sarebbe stato reperibile fino alle 17.00″. si è chiesta il motivo per cui la GM inizia il servizio alle 20.00 e finisce alle 08.00? proprio perchè la fascia diurna (08.00-20.00) deve essere coperta dai Medici e Pediatri di base che a differenza del Medico di GM che ha un bacino di utenza anche di diverse decine di migliaia di persone hanno invece in carico i soli assistiti iscritti (max 1500 0 800 persone)

    • ho chiamato x mia figlia la mattina di 22 03 2014 alle 05 del mattino dicendo che sta molto malle con dollori forti alla pancia ,vomito e diareea..la risposta e stata seguente..e io che gli devo fare?

  • la prefazione contiene alcune imprecisioni:
    1) il servizio gratuito è riservato ai “residenti nell’ambito territoriale afferente alla sede di Guardia Medica” (art. 67 comma I ACN per la Medicina Generale
    2)il servizio di GM assicura le prestazioni non differibili (cioè quelle situazioni per le quali pur non sussistendo pericolo imminente di vita non si può però attendere il proprio Medico di famiglia (es. una colica renale, una crisi ipertensiva, una cistite etc. etc). le URGENZE e le EMERGENZE sono pertinenza del 118 (EMERGENZA TERRITORIALE) con il quale la GM collabora in casi eccezionali di indisponibilità dei Colleghi perchè impegnaati in altri interventi concomitanti (articolo 67, comma II ACN Medicina Generale)

  • Potresti cortesemente riposrtare la frase che indica che il Dottore è tenuto a farsi retribuire per prestazioni che riguardano pazienti residenti non nell’ambito territoriale?

    Scusa ma il tuo secondo intervento con quell’esempio mi sembra troppo riduttivo. Rientrano anche latri casi.

    • più che ripostare la frase ti invito altrettanto cortesemente a leggere l’ACNL 2010 per la Medicina Generale , compiti del Medico di C.A., art.67 successivi commi.

  • Il medico di GM ,che ha lavorato la notte del venerdì,e che riceve, alle ore 7.30,prima della fine del proprio turno la richiesta di un utente di un certificato medico, (premesso che il sabato la G.M.inizia alle ore 8.00)che l’utente dovra’esibire prima delle ore 12.00 del sabato ( inizio del turno di lavoro) è tenuto a fare lui il certificato oppure tocca al collega del turno successivo? Grazie.

  • Può la GM prescrivere l’insulina “LEVEMIR”?
    Tengo a precisare, salvo mio errore, che l’insulina in oggetto non è sottoposta a piano tereapeutico dall’”Abolizione Piano Terapeutico per Insulina Detemir-Specialità Levemir- G. U. n. 147 del 07-06-2011″.
    Dato che mio padre di anni 83 dimora attualmente nei pressi di casa mia, vorrei sapere se la prescrizione è possibile.
    E la prescrizione è maggiormente possibile se mi faccio inviare la ricetta dal suo medico curante, per poi essere commutata dalla GM?
    I mie ringraziamenti in attesa di una vostra risposta.

    • linsulina potrebbe essere fatta rientrare fra i farmaci salvavita se richiesta di sabato sera o di domenica o qualora l’utente ne sia sprovvisto. ovviamente non essendo la C.A. il supermarket sarebbe meglio esibire una ricetta specialistica rilasciata dal centro di malattie dismetaboliche che ne attesti il diritto e inoltre se suo padre non e residente nell’asl dovra pagare il ticket , messo perche le asl avevano grossse complicazioni nel farsi pagare le visitetra loro dei non residenti e hanno risolto il rpoblema facendosi pagare direttamente dalll’assitito. la prescizione non puo essere abituale perche altrimenti dimostrerebbe la non urgenza. per le restanti prescrizioni si rechi da un medico di famiglia che le farà pagare la visita come paziente occasionale. questo vale anche per le richieste di visite non urgenti e farmaci non urgenti . spero di essere stato chiaro.
      a disposizione
      gianfranco s

  • una curiosità:
    il servizio di Guardia Medica è tenuto sd effettuare la constatazione di decesso se chiamato dalle forze dell’ordine per conto del magistrato. Grazie

  • Salve gradirei sapere quando si puo pretendere una visita domiciliare dalla GM.
    Grazie

    • Mai.La visita a domicilio, salvo condizioni di assoluta in trasportabilità’ del paziente, rimane ad ESCLUSIVA discrezione del medico, che ovviamente si assume la responsabilità delle proprie scelte, qualora infauste.

      • bene, stanotte, la cosiddetta “guardia medica” col sottoscritto con 41 di febbre e convulsioni,ha pensato bene di non venire a casa mia, come avevo richiesto….allora mi chiedo? ma che cazzo ci stanno a fare? appena mi riprendo li vado a denunciare….

        • Il fatto che lei, il giorno dopo, abbia la forza e la lucidità per scrivere in modo così elegante quanto le è accaduto implica che non v’è stato danno. La sua denuncia, pertanto, è dettata solo da astio e rancore. In caso di iperpiressia (febbre sopra i 39°) esistono numerosi principèi attivi a disposizione delle persone (paracetamolo in primis – Tachipirina – noramidopirina metansolfonato sodico – Novalgina – acido acetil salicilico – VivinC, Aspirina, Aspro etc etc – ibuprofene – Brufen, Moment – che possono essere assunti serenamente per la notte e giungere al mattino per poter contattare il proprio medico curante di fiducia…

  • salve, nel caso io sia impossibilitata a prendere la macchina e andare al pronto soccorso per richiedere la ricetta per la pillola del giorno dopo, posso andare alla guardia medica del mio paese? sono maggiorenne ma non automunita. e devo pagare qualcosa per farmi rilasciare la ricetta??

  • Salve, vorrei una precisazione sulla frase ” il medico di continuità assistenziale non effettua iniezioni, intramuscolo o endovena, prescritte da altri medici “.
    Significa che se mi reco c/o la guardia media piu vicina e chiedo di somministrarmi a mezzanotte una puntura di Gonasi 5000 il medico può rifiutarsi di aiutarmi? ( Lo chiedo in quanto avrò a breve questa necessità e non saprei proprio a chi rivolgermi a quell’orario e non riesco a farmi la puntura da sola ) Grazie in anticipo per la risposta!

    • Lei non ha bisogno di un medico (guardia medica o di famiglia), ha bisogno di un infermiere che dovra’ pagare per la prestazione ed anche per l’orario.

  • Salve , vorrei sapere se è possibile richiedere la diagnosi fatta dalla guardia medica dopo la visita a domicilio anche se sono trascorsi un po di anni?In caso affermativo in quale ufficio mi devo rivolgere? Grazie .

  • salve io abito a mantova e per problemi familiari ora sono dovuto scendere a napoli,visto che io prendo dei farmaci dove occorre la prescrizione medica volevo informazioni su come devo fare per evitare di risalire a mantova solo per prescrivermi questo medicinale,il medicinale che uso e keppra oppo levatricium cioe’ equivalente,grazie

  • la guardia medica può effettuare visite ginecologiche??

    • Salve, in guardia medica vengono effettuate solo visite mediche non differibili, quindi dipende da caso a caso e comunque per quesiti specialistici è sempre meglio rivolgersi a ginecologi. Non esistono medici tuttologi.

  • sabato 2 agosto dopo aver portato mia figlia di anni 5 in ospedale per dolore alle orecchie le veniva diagnosticato “otite bilaterale esterna”; mi sono recato presso la guardia medica per farmi prescrivere l’antibiotico ma il medico mi riferiva che non poteva prescrivermi l’intero farmaco ma un dosaggio inferiore per poter coprire il weekend facendo riferimento ad un regolamento, adesso vi pongo alcune riflessioni e spero di avere appropriate risposte:

    1)perché un cittadino in un periodo di crisi così profonda deve pagare 2
    ricette per avere un farmaco quando lo può avere con una sola prescrizione
    fatta da uno specialista con la quale veniva richiesto quel dosaggio
    specifico?

    2)perché tutte le altre volte che mi sono recato presso la stessa guardia
    medica non ho mai avuto nessun problema del genere, se esiste questo
    regolamento doveva essere applicato anche da tutti gli altri medici, ciò
    vuol dire che in questo caso è stato solo discrezionalità?

    3)cosa posso fare per far valere i miei diritti di cittadino?

    • Salve signora le rispondo alla prima domanda per tutte e tre: il medico di guardia non è il segretario di altri medici, il collega otorino ospedaliero ha il ricettario Ssn e aveva l’obbligo di prescriverle la terapia che riteneva opportuna!!!

      • qui si parla della salute di una bimba di 5 anni e quel medico (che per lei non è il segretario di altri medici) non ha ritenuto scrivermi l’antibiotico, appunto per lei non è il segretario invece per me è un deficiente…

        PUNTI DI VISTA DIVERSI, MA SI RICORDI CHE PARLIAMO DI A.S.N. DOVE I MEDICI SONO OBBLIGATI A FARE IL LORO MESTIERE IN QUANTO PAGATI ANCHE DA ME…..

        • GENTILISSIMO, IL MEDICO DI C.A. PUO PER LEGGE PRESCRIVERE SOLO UNA CONFEZIONE DI FARMACO PROPRIO PERCHE’ ESECUTORE DI PRESTAZIONI URGENTI! LA PERSONA CON CUI LEI SE LA DEVE PRENDERE E’ L’OTORINO CHE LE HA PRESCRITTO L’ANTIBIOTICO CHE INVECE Eì TENUTO A RILASCIARLE UNA RICETTA CHE COPRA L’INTERA TERAPIA!
          SECONDO POI, IL MOTIVO PER CUI NON SI POSSONO FARE RICETTE PER FARMACI PRESCRITTI DA ALTRI MEDICI E’ SEMPLICE: UN MEDICO IN SCIENZA E COSCIENZA PUO’ NON CONCORDARE CON LA PERAPIA PRESCRITTA DA UN COLLEGA E NON Eì QUINDI GIUSTO CHE SE NE ASSUMA LA REPSONSABILITA DI PRESCRIZIONE! MI DISPIACE MA DURA LEX SED LEX!

  • il fatto che sia prassi consolidata mandare la visita fiscale prima del certificato del medico curante nn significa che sia legale la mia domanda è: c’è una legge ce lo consente? io ho fatto malattia 3 settimane fa per una cistite acuta presa in azienda dove l’aria condizionata è al massimo poichè centralizzata e sul treno (mi sobbarco 120 km in andata e 120 al ritorno): Gli antibiotici presi per la cistite mi hanno acuito la gastrite ed il reflusso già in atto in più senza copertura di lansoprazolo in quanto con gastroduodeno……scopia prenotata quindi impossibilitata a prendere medicinali. ho chiamato alle 9.30 del mattino ed alle 17.20 mentre mi preparavo per andare a fare il certificato è arrivato il medico fiscale: sia lui sia il medico di base mi hanno chiesto come era possibile una cosa del genere e quando ho risposto che nn sapevo si sono fatti una risata. ora chi è a conoscenza della legge che consente tale prassi?

  • residente con medico di famiglia a rima. Lavoro a chieti . avendo 38 di febbre a chi devo rivolgergmi per i lcertificato di malattia.

  • salve,mi sono accorta solo ora di non aver piu’ le pillole anticoncessionali,e dovrei iniziare a prenderle domattina,ma il problema è che il mio medico cè solo domani pomeriggio.posso richiederla alla guardia medica?

  • salve vorrei sapere se la GM può rilasciare il certificato di malattia per una forte dissenteria e vomito anche se al momento della visita non riscontra nulla di tutto ciò dato che mi è già successo così creandomi problemi con il lavoro

  • vorrei sapere dei farmaci scaduti e dei presidi chi ne ha responsabilità.IO penso che lo siano tutti del presidio o no?

  • Salve. Sono a Roma per lavoro ma ho il medico curante a Bari.
    Mi sono accorto solo ora di aver terminato le statine. Essendo un soggetto colesterolemico
    e non potendo almeno per ora scendere a Bari, come posso fare qui
    a Roma per farmi fare una ricetta e ritirare le pillole? Grazie. Antonio

  • Mi è capitato di chiamare diverse volte la GM causa virus intestinale con vomito. Ogni volta la visita si è conclusa con un’iniezione di Plasil (anche senza bisogno di star male direttamente sotto gli occhi del medico). L’ultima volta però il medico chiamato per mio padre,si è rifiutato nonostante la sua insistenza, di fargli l’iniezione e ha lasciato il medicinale a mia madre,che non si è arrischiata a fare l’iniezione da sola e non ha avuto modo di chiamare nessuno che potesse aiutarla se non dopo molte ore. Le è stato detto che in caso di peggioramento avrebbe dovuto ritelefonare alla GM e farsi mandare un altro medico che sarebbe finalmente venuto a fare somministrare il farmaco che le avevano lasciato. Ora va bene il libero arbitrio ma perché in 4 occasioni, 3 si comportano allo stesso modo e uno si rifiuta? Possono farle o no le iniezioni, se prescritte da loro e per il problema per cui sono stati chiamati? E perché lasciare un medicinale se dico già in partenza che non so somministrarlo?..
    Grazie.

  • Ciao a tutti, vorrei sapere un’informazione che ancora non mi è ben chiara; io sono un’infermiera e lavoro su turni, un giorno avevo sinusite, mal di testa, e diarrea….questi sintomi si sono cominciati a far sentire forti soltanto verso le 5 del pomeriggio, e il mio medico di famiglia quel giorno c’era solo la mattina dalle 9 alle 12, così ho aspettato le 20 per andare dalla guardia medica, anche perché mi serviva un certificato in quanto quella sera avrei dovuto fare il turno di notte in ospedale e la guardia medica non me lo ha fatto perché dice che anche se la mia dott.ssa c’era solo di mattina, io dovevo chiamarla sul cellulare, perché è comunque tenuta all’assistenza anche se lo studio è chiuso….ma il certificato elettronico come avrebbe potuto farmelo? Sarei grata di avere una risposta, grazie!

  • Scusate ma se non ho il medico di base, da chi devo andare per un consulto?

  • Devi iscriverti da un medico di base!

  • Salve,
    sono stato operato al piede venerdì e il mio medico di base mi ha dato la prima settimana di malattia che scade oggi. Oggi mi reco per fare la continuazione e lui mi risponde che non può farla in quanto scade domani.
    Mi consiglia di recarmi sabato in guardia medica per fare la continuazione.
    La domanda è semplice, la guardia medica può farmi la continuazione anche solo sabato e domenica per poi ritornare lunedi dal mio medico e fare la continuazione con lui?

    grazie

    • Il suo medico di A. Primaria ( medico di base), le doveva fare il certificato come continuazione a decorrere da quando la visitava per la seconda volta.
      Ho fatto cosi per due anni come medico di base sostituto e nessuno mi ha mai detto niente dall’inps!
      Per tutti i colleghi della CA, io penso che anche se qualche volta la prestazione richiesta non e’ di nostra competenza ma ravvisiamo la necessita della stessa e la buona fede del richiedente penso che potremmo eseguirla!
      Nella parte iniziale scrivete che il medico di C A non deve mettere punti di sutura, perche?
      I punti di sutura sono inseriti nelle prestazioni aggiuntive!
      Se parliamo del fatto che non siamo obbligati a metterli e’ una cosa, ma il divieto di metterli e’ un altro!
      Che poi in. Molti casi sia meglio non metterli e’ un’ altro discorso!
      Mi chiedo come si possano mettere punti di sutura in condizioni da terzo mondo, senza la necessaria luce, in assenza di punti di tipo appropriato! In GM la asl ti fornisce solo seta, con un risultato estetico quindi sicuramente insoddisfacente!
      Io penso chedovremmo richiedere una migliore collocazione all’interno del SSN con il riconoscimento dei nostri diritti!
      Dopo cio penso che lavoreremo molto meglio!
      Per me la C A non e’ un lavoro temporaneo ma ilpunto di passaggio fino all’assistenza primaria avendo fatto il corso di medicina di base!
      Posso dire che dopo quasi 10 anni di CA il burn out e’ normale!
      Saluti

  • ho chiamato la guardia medica,sono bloccato caudsa forti dolori al fianco ed alla schiena,mi ha nno detto di fare una muscoril?fano le diagnosi a distanza? io stio male

  • salve volevo sapere se un dottore di famiglia si rifiuta di dare una continuazione di giorni di mutua, per postumi trombosi a un polpaccio che con un eccodloper ha evidenziato che e apposto, ma la caviglia mi si gonfia ancora e non riesco a camminare per un blocco alla caviglia, causa l immobilizzazione x 2 mesi. cosa dovrei fare? posso andare dalla guardia medica?

  • Sono lontano dalla mia residenza per lavoro, ho bisogno di un farmaco
    per il controllo della pressione (olmetec). Posso avere dalla guardia
    medica la ricetta? Grazie

  • Ho chiesto alla guarfia medica un certificato che attestasse l’infermita’ di mia moglie per poter accedere ad un permesso retribuito di unsolo giorno (operata due goorni prima ed ancora allettata) per assistere sia lei che tre figli minori.la risposta e’ stata negativa e mi consigliava di fare un certificato di malattia per me stesso.

  • l’Italia, vista la drammatica situazione economica in cui versa, non ha più la possibilità di permettersi il servizio di guardia medica, che, tra l’altro, non serve a nulla ed è un doppione inutile del 118

  • prima funzionavano ora sono solo (non tutti ovviamente) dei copiatori, guardano il prontuario e copiano.Per venire a casa devi essere morto. Mandateli a casa soldi buttati x niente.Molti sono incompetenti.

  • Ho un’amico che non abita vicino e sentendo come sta ho saputo che è a letto con la febbre a 39 e con continui mancamenti. Gli ho detto di chiamare la guardia medica , che è obbligata a venire a casa ( è solo e non ha nessuno), l’ha fatto ma gli hanno detto che possono solo dare assistenza telefonica. Consiglio dato : prendi un vivinci e domani vai dal tuo dottore. W l’italia

  • Dopo aver letto tutti questi commenti e per esperienza personale ho capito solo una cosa: meglio non sentirsi male di notte e nei giorni festivi, tanto non ti fanno niente.
    Auguro a tutti tanta salute e che al più presto venga proibito di iscriversi a Medicinaa chi non è spinto dall’amore verso il prossimo ma da altri motivi -ambizione e denaro.

  • DOPO AVER LETTO GLI ULTIMI COMMENTI SCRITTI MI SENTO DA MEDICO DI REPLICARE CHE FACCIO IL MIO LAVORO CON ONESTA’, SERIETA’ E COMPETENZA TECNICA E SCIENTIFICA. NON HO MAI RIFIUTATO UNA PRESTAZIONE URGENTE, UN CERTIFICATO O UNA VISITA A CHI NE AVEVA BISOGNO E SPESSO HO ASSECONDATO RICHIESTE INCONGRUE E SENZA SENSO SOLO PER EVITARE DISCUSSIONI! A CHI DICE CHE SONO SOLDI SPRECATI E CHE CI POSSONO MANDARE A CASA SEMPLICEMENTE RISPONDO DI STUDIARE 15 ANNI COME NOI E DI PASSARE DALL’ALTRA PARTE…PROVATE VOI A FARE IL MEDICO…COSI VI RENDERETE CONTO CHE SONO MOLTO PIU FREQUENTI I CASI DI MALAUTENZA CHE DI MALASANITA’! COSI VI RENDERETE CONTO CHE RISPONDERE A CHI TI CHIAMA CHIEDENDO UNA VISITA ALLE 3 DI NOTTE A DOMICILIO PER UNA CISTI SUL DORSO CHE HA DA MESI O CHI VIENE IN PRONTO SOCCORSO PER UN BRUFOLO SULLA COSCIA NON è SEMPLICE…MANTENERE LA CALMA DI FRONTE A CERTI UTENTI NON è FACILE! NON GENERALIZZATE QUINDI CON LA CATEGORIA…NON SIAMO TUTTI UGUALI..COME IN TUTTI I LAVORI!PUNTO

  • Buongiorno,
    sono stata in guardia medica a Concorezzo (MB) ma risiedo in Toscana.
    Per la visita mi sono state chieste 25 euro.
    Ho richiesto la ricevuta ma mi hanno detto che non era possibile farla, mi hanno dato un foglio con l’esito della visita e scritto: costo 25 euro, dicendomi di andare nell’ASL dove risiedo per chiedere la ricevuta.
    Se pago una prestazione, da non residente, mi aspetto che chi prende i soldi mi rilasci una ricevuta fiscale.
    Si sono comportati correttamente?

    Garzie

    • NO, non si sono comportati correttamente in quanto è necessaria la fattura rilasciata dal medico di guardia per poter andare alla propria ASL e richiedere il rimborso se lei è esente o comunque per detrarre completamente la prestazione sanitaria dalla dichiarazione dei redditi. IL medico in questione si è semplicemente tenuto i suoi soldi invece di pagarci le tasse sopra.

  • Salve a tutti…sabato sera mi sento male e decido di dormire da mia madre che sta nel comune x mentre mio padre sta nel comune y (dove ho anch’io la residenza) lunedi non vado a lavoro e quindi mobilito mia madre ad andare dal dottore per dirgli che stavo male e se poteva visitarmi e fare il certificato medico ma sfortunatamente è anche lui in malattia ed il sostituo era solo la mattina..cosi decido di andare alla guardia medica dove una sgarbatissima dottoressa mi dice che non poteva fare nulla perchè non ero residente in quel comune e che dovevo andare nel comune di appartenenza…è vera sta cosa? Io domani torno a lavorare e mia madre puo andare dal sostituto ma non so se passate le 24 ore vale ancora il certificato

    • Il lavoratore ha tempo 72 ore per conseganre il certificato di malattia al datore di lavoro, in questo caso viene inviato comunque telematicamente all’INPS e i controlli fiscali avvengono solo dopo che il certificato è in mano all’INPS. IN ogni caso, è possibile risalire a massimo due giorni precedenti per l’inizio della malattia. Le faccio un esempio: lei si ammala la domenica, ha tempo fino a mercoledì per comunicare il n. protocollo al datore di lavoro, ma ha tempo solo fino a martedì sera per farsi rilasciare il certificato.
      NOn è questione di non volere fare il certificato, ma il sistema telematico alla voce “si dichiara ammalato da” non permette di risalire a più di due giorni antecedenti il rilascio del certificato.
      IN ogni caso la guardia medica è autorizzata a rilasciare il certificato per il numero di giorni ‘che manca’ alla possibilità di farsi vedere dal suo medico.
      Es. ci sono casi di festività continuativeche rendono assente il MMG per 5 giorni, il medico di guardia può fare un certifiicato per 5-4-3-2-1 girono in base a quanti giorni mancano alla disponibilità del suo medico di base.

  • Se una persona di notte è da sola in casa con conati di vomiti costanti causa gastroenterite, se chiama la guardia medica per un intervento a domicilio per somministrazione medicinale per bloccare i vomiti, quest’ultimo ha l’obbligo di intervento?

    • Nessun obbligo: si valuta telefonicamente se ci sono le condizioni di urgenza o meno. In linea di massima il vomito non è in sintomo allarmante: ci sono tuttavia delle eccezioni. Purtroppo molti pazienti si spazientiscono appena vengono formulate le prime domande per telefono e rendono tutto più complicato

  • Devo necessariamente andare dalla G.M. del paese dove abito, o posso andare anche in quello limitrofo che mi risulta anche più vicino…

  • Salve lavoro in toscana ma risiedo a napoli. Quelle poche volte che son stata male ho preso giorni di ferie ( non voglio cambiare il medico di famiglia che ho li a napoli da anni ancge perche il week end torno giu), ma se mi dovesse succedere, il medico di base della mia vicina( residente qui) potrebbe venirmi incontro e farmi certificato di malattia? Oppure vista la fiducia che ripone in me il mio medico di famiglia, anche se distante potrebbe attestare telefonicamrnte il fatto che sto male e fare certificato che manderebbe telematicamente? O in ultimo la guardia medica potrebbe risolvere il problema?(immagino solo per i primi tre giorni ma resterebbe comunque il problema per gli eventuali giorni successivi…

    • Ho avuto un caso simile durante una sostituzione. Il certificato di malattia deve essere rilasciato dal medico che ti ha visitato in visita ambulatoriale o domiciliare, e assolutamente dovrebbe (dico dovrebbe perchè ci sono casi di certificati rilasciati al telefono) essere rilasciato solo dopo visita medica.
      Il ceritificato è un documento legale che certifica sintomi o segni constatati direttamente dal medico. Detto qeusto per rispondere alla tua domanda, ma anche a domande precedenti:
      Il certificato di malattia non può essere rilasciato dal MMG della tua città di residenza perchè ovviamente non può venire li a visitarti (nemmeno rilasciartelo in buona fede, altrimenti fa un documetno legale falso ed è perseguibile per legge se ti succede qualcosa), ma deve rilasciarti il ceritficao qualunque medico che possa visiatarti . La comodità di fare i certificati in via telematica è che serve solo una connessione internet per farli e ogni medico laureato e abilitato è in possesso dei codici di accesso al sito sistemats.it da cui è possibile fare certificati medici per malattia.
      Un consiglio è quello di andare alla ASL dove sei domicliata e prendere un MMG temporaneo (con il contratto di affitto o di lavoro te lo fanno per 6 mesi o un anno) e andare da lui per ricette e certificati e visite. Non vieni cancellata dalle liste del tuo medico ma solo temporaneamente sospesa. Se invece non vuoi, puoi avvalerti A PAGAMENTO della guardia medica turistica (lun-ven 8-20) se presente che funge da MMG e può rilasciare più di 3 giorni di malattia, o per malattie brevi inferiori a 3 giorni della dguardia medica sempre a pagamento. (pagamento di ticket di 15-25 euro in base alla visita). Spero di essere stata esauriente.

  • Sono un lavoratore domiciliato a Roma da alcune settimane ma ho ancora il medico nella mia città di residenza. Adesso avrei necessità di una ricetta per acquistare alcuni farmaci per mia moglie, con una certa urgenza. A chi potrei rivolgermi? Grazie Enzo

  • Domanda: ma la C A non è “obbligata” a rilasciare certificati di malattia nei giorni feriali, o “non puó” proprio? Perche la mia azienda mi sta facendo storie per un certificato cartaceo fatto un mercoledì… grazie a chi risponderá

  • Salve a tutti, leggendo i commenti di utenti e “esperti in materia” mi sorge spontanea una domanda dato che in ambito di salute un pò ci bazzico pure io… premesso che i medici non hanno un mansionario dove gli viene esplicitato cosa possono o non possono fare… chiaritemi una cosa: COSA INTENDETE PER PRESTAZIONI NON DIFFERIBILI MA PER LE QUALI NON C’E’ PERICOLO IMMINENTE DI VITA, DOVE DEVE INTERVENIRE IL 118 (DIVENTATO ORAMAI 112)? Chiedo perchè probabilmente è dove vivo io che le cose non girano bene… perchè la c.a. che risponde, REGOLARMENTE NON ESCE… e LA SUA RISPOSTA E’ SEMPRE CHIAMI IL 118… ORA… SE HO LA CLASSICA SINTOMATOLOGIA DA INFARTO OK, SOSPETTO ICTUS CEREBRI OK… MA SENTIRMI RISPONDERE “HA LA MACCHINA?.. VADA IN PRONTO SOCCORSO” PER UNA COLICA RENALE… e peggio che peggio prescrizione telefonica di antispastici e fans per crampi addominali improvvisi e fortissimi e vomito dicendo “ma si è il virus intestinale che gira adesso” quando in realtà era la torsione di un’ansa intestinale… sarebbe bastato o fare domande più specifiche(non fatte come per esempio va in bagno o fa aria…)o visitare fisicamente la persona per capire che il problema non era l’influenza…

  • Sono un medico di CA e mi dispiace che purtoppo ci siano tanti colleghi che si comportano in maniera disonesta, ma vorrei sottolineare che il nostro mestiere (in CA) è fatto secondo scienza e coscienza, non secondo esigenze del paziente.
    Coprendo un bacino di utenza di 20000 utenti nella mia zona e due case di riposo più 15 pazienti di cure palliative può capitare che la chiamata (o le chiamate) avvengano nello stesso momento in cui sto visitando un paziente (e ne ho altri due fuori dalla porta). Spesso mi capita di fare molte domande per capire l’urgenza/emergenza della situazione e di sentire dopo la prima domanda dall’altra parte “va beh lei non viene”… spiegare a utenti poco ‘pazienti’ che le domande servono per fare un triage e capire (COME AL PRONTO SOCCORSO) il codice della chiamata e soprattutto capire se è necessario portare materiale in più in borsa non è cosa facile. Purtroppo ci sono anche colleghi che non vanno a domicilio di principio, ma facendo anche sostituzioni di MMG vedo che il problema spesso è anche nella percezione della gravità di una situazione e soprattutto alla comunicazione (che in situazioni di malessere diventa ancora più difficile). Ritengo comunque che molte volte ci sentiamo ‘usati’ come delle segretarie di altri medici, basta spiegarsi, le prescrizioni di farmaci (es. levemir che in farmacia va prenotato, per necessità di farmaco in emergenza perchè finito bisogna andare in PS) e i certificati li possiamo fare così per legge è inutile che vi arrabbiate se non vi fanno certificati di due settimane alla CA. Leggo di situazioni molto ‘equivocabili’ ma anche di persone che alle volte pretendono troppo da una persona che ‘serve’ 20000 abitanti + i turisti.
    MI rendo conto che sia difficile pensare a medici che non pensano ai soldi, ma ci sono regoalmenti anche per le visite dei non residenti e soprattutto il pagamento è completamente detraibile come spesa sanitaria, non capisco il problema. All’utente al quale non è stata rilasciata fattura rispondo: il medico ha sbagliato, ha commesso un illecito in quanto i soldi se li è intascati puliti puliti invece di pagarci sopra le tasse. A quello che invece si lamentava dei 15 euro per il bambino visistato con la febbre etc…. pensi che su quelle 15 euro il medico ne riceve in mano solo 7! Manco la benzina per venirla a visitare.

  • Un medico del G.M. visita un paziente con dolori addominali,visitato nel pomeriggio dal proprio medico curante. Le due diagnosi coincidono. Consiglia il ricovero ai famigliari. Non lascia nessun documento scritto. Il paziente purtroppo muore. Cosa può succedere al medico dal punto di vista legale? Grazie.

Commenti

Registrati / Collegati

I commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati verificati.